Back to Top

Giornale on line registrato al Tribunale di Pavia n. 2/2016

I MILLE VOLTI DI GIANDANTE X IN MOSTRA A CANELLI

Foto I MILLE VOLTI DI GIANDANTE X IN MOSTRA A CANELLI

INTERVISTE

Un pezzetto del patrimonio artistico milanese sbarca in Piemonte e più precisamente a Canelli. Dal 25 giugno al 3 luglio presso la Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery di Barbara Brunettini e Stefano Sibona sarà in mostra l’arte di Giandante X (vero nome Dante Pescò) artista nato nel 1899 e attivo fino agli anni Settanta del secolo scorso. L’esposizione prende spunto dalla recente pubblicazione di un volume a lui dedicato scritto dalla giornalista Paola Doria, grande appassionata e studiosa dell’artista milanese. Durante il pomeriggio del primo sabato di esposizione (25 giugno) sarà presentato, nel contesto di una mostra monografica, il libro con la presenza dell’autrice che racconterà la nascita del libro e leggerà alcuni degli stralci più leggeri del volume.
D: COME E’ NATA L’IDEA DI SCRIVERE UN LIBRO PROPRIO SU QUESTO ARTISTA?
R: Prima di tutto parto da come ho conosciuto questo artista. Me lo ha fatto scoprire quando ero ragazzina un mio parente di Novara, grande appassionato d’arte. In quell’occasione mi regalò un suo quadro e una monografia degli anni Sessanta. Mi affascinava l’idea che di questo artista si sapesse poco e da lì ho iniziato a fare ricerca. Ho ricercato i suoi quadri, i suoi libri. Negli anni ho trovato delle poesie e degli scritti inediti, ho parlato con persone che lo hanno conosciuto e con altre che sono suoi estimatori. La tesi della laurea specialistica l’ho dedicata a Giandante. L’idea di un libro c’è sempre stata ma era stata accantonata perché avevo anche altri progetti da portare avanti. La ricerca e lo studio di Giandante sono sempre proseguiti e, dopo la pandemia, mi sono decisa finalmente a dare spazio cartaceo a tutte le scoperte che ho fatto in circa quindici anni.
D: COSA TI HA AFFASCINATO DI PIU’ DELLA FIGURA E DELL’ARTE DI GIANDANTE?
R: I misteri mi hanno sempre affascinato e quindi come potevo non indagare su un pittore dai mille lati misteriosi? Inizialmente sono stata sorpresa dalla tecnica utilizzata: Giandante X nella sua maturità artistica utilizza in via preferenziale la tecnica della tempera ad encausto, utilizzata già dagli Antichi Romani e da Leonardo da Vinci per la sua “Battaglia di Anghiari”. Come poteva questo pittore essere riuscito a trovare una via per far “funzionare” questa tecnica che ha messo in difficoltà pure il grande Maestro? Eppure ci è riuscito… Lui stesso si definisce “espressionista costruttivista”: ogni opera era frutto di studio ed ogni gesto era calcolato in quanto la cera utilizzata nell’encausto si raffredda facilmente. I fondali sono sempre scuri nella pittura di Giandante e il colore, acceso e “primitivo” sembra fluttuare vibrante di vita nel nulla, leggero come un’idea ma allo stesso tempo concreto, materico e carico di vigore.
D: CI PUOI RACCONTARE IN BREVE CHI ERA GIANDANTE X?
R: Giandante è nato nel 1899. Da giovanissimo cerca più volte di scappare di casa per sfuggire alla vita borghese che ha scelto per lui la famiglia. Nel 1917 ci riesce e parte volontario per la Prima Guerra Mondiale. Al suo rientro, a soli 19 anni, si laurea in architettura e inizia a realizzare le sue prime mostre, la più famosa nel 1920 alla Galleria Vinciana di Milano con oltre venticinquemila disegni in bianco e nero. Rifiuta la cattedra in architettura e una collaborazione con un famoso studio olandese per non lasciare incompiuta la sua ricerca artistica e per non venir meno ai suoi principi. Nel 1936 raggiunge la Spagna dilaniata dalla Guerra Civile e diventa il principale disegnatore per la propaganda delle Brigate Internazionali. Verrà poi rinchiuso in diversi campi di concentramento dai quali insegnerà, in più lingue, ai detenuti, l’arte, la poesia e la letteratura. Tornato in Italia dopo la Liberazione nulla è rimasto di quello che aveva realizzato nel suo studio di Via Senato a Milano e ricomincia da capo. Pubblica opere poetiche, partecipa a conferenze e mette a punto in via definitiva la sua tecnica ad encausto che è il suo tratto distintivo. Gli anni Cinquanta e Sessanta sono quelli della maturità con opere già strutturate ma dalla grande leggerezza. Le ultime opere risalgono alla seconda metà degli anni Settanta. Morirà nel 1984.
D: UN CAPITOLO DEL LIBRO E’ DEDICATO INFATTI ALLA MORTE DI GIANDANTE X…
R: Si, per anni si è creduto fosse morto a Milano, invece non è così… Ho svolto parecchie ricerche anni fa è ho scoperto cose molto interessanti che sono inserite nel volume e che racconterò un po’ alla presentazione del libro…
D: QUAL E’ LO SCOPO DEL LIBRO?
R: La figura di Giandante va maggiormente valorizzata, cosa che purtroppo Milano, sua città natale, non ha mai fatto, nemmeno in tempi recenti. Questa figura artistica è da (ri)scoprire perché è una delle eccellenze artistiche della città e come tale va trattata e trovo davvero indelicato l’oblio nel quale la vogliono far scivolare. Ma di oblio vero e proprio non si tratta perché nel milanese (e non) ci sono tantissimi suoi estimatori. Giandante X ha conosciuto personaggi come Filippo Tommaso Marinetti, padre del Futurismo italiano, con il quale ebbe un acceso diverbio. Ha collaborato con Emanuele di Castelbarco, promotore di Tamara De Lempicka e con Arturo e Walter Toscanini. Ha ricevuto, negli anni, critiche positive da persone note come Carlo Carrà, Margherita Sarfatti, Mario Sironi ed Alfonso Gatto che hanno elogiato il tratto e la tecnica unica di Giandante. Quando era volontario in Spagna si era diffusa la notizia, falsa, della sua morte: in quell’occasione il mondo milanese della cultura si è unito per dedicare a lui serate, memorie e una veglia in suo onore. Parteciparono in tantissimi alla cerimonia: questo significa che la sua arte e le sue idee erano molto apprezzate e che era un personaggio stimato della cultura milanese. Il libro è dedicato sia a chi già conosce Giandante (e a cui darà nuovi spunti e chiavi di lettura), sia a chi non conosce questo artista e cerca attraverso quello che lui ci ha lasciato (dipinti, disegni, scritti e poesie) di ricostruire la sua visione del mondo. Ho cercato anche di dare un ritratto più definito alla sua persona attraverso le fonti che ci sono già pervenute ma anche incontrando persone che lo hanno conosciuto e che mi hanno raccontato aneddoti lui riguardanti.
D: COSA VEDREMO IN MOSTRA?
R: L’esposizione consta di opere selezionate che sono rappresentative del suo periodo di maturità artistica. Durante il vernissage ci sarà anche la presentazione del libro e nelle altre giornate sarò presente negli spazi della galleria per rispondere alle curiosità e alle domande dei visitatori.
“Giandante X” rimarrà in mostra negli spazi della Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery dal 25 gigno al 3 luglio. La mostra sarà visitabile venerdì e sabato dalle 16.30 alle 18.30 e domenica dalle 10 alle 12. Il vernissage si terrà sabato 25 giugno alle ore 17.30 con la presentazione del volume “Giandante X. L’Uomo Nuovo. Inediti, scoperte e altre storie” alla presenza dell’autrice Paola Doria. Il volume è disponibile presso la libreria Il Segnalibro di Canelli e sarà disponibile durante l’intera esposizione.

21/06/2022

La Redazione

fbshare   ttshare

Potrebbero interessarti...



CANELLI: MASSIMO RICCI E MARIA LUISA STEPANEK INAUGURANO SABATO ALLA FUOCO E COLORE

L’immagine e la figura” in mostra fino al 12 giugno presso la Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery di Corso Libertà a Canelli. La mostra inaugura sabato 28 maggio dalle 16.30 ed è visitabile venerdì e sabato dalle 16,30 alle 19 e domenica dalle 10 alle 12.



GLI SCATTI DI ANTONIO MURACA ALLA FUOCO E COLORE DI CANELLI

Antonio Muraca - Mostra Personale - Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery di Corso Libertà a Canelli. La mostra inaugura domani 12 maggio dalle 20 e sarà visitabile dal 13 al 23 maggio il venerdì e il sabato dalle 16.30 alle 19 e la domenica dalle 10 alle 12. Per prenotare una visita al di fuori degli orari di apertura contattare il numero 3421802393. Il workshop di fotografia si terrà il 16, il 23 ed il 30 maggio dalle ore 20.30 alle 22.30 presso la galleria d’arte. Per le iscrizioni telefonare al numero indicato.



CANELLI - Cristiano "Lupo" Carillo da sabato in mostra alla Fuoco e Colore con "Latitante"

La sua personale inaugura sabato 30 aprile e sarà visitabile fino all'8 maggio.



IL DUO VIGLIETTI E PIREDDU IN MOSTRA ALLA FUOCO E COLORE DI CANELLI

Antonio Pireddu e Piergiorgio Viglietti c/o Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery - Canelli dal 5 marzo, vernissage dalle ore 16.30. La mostra è visitabile fino al 20 marzo il venerdì e il sabato dalle 16,30 alle 18,30 e la domenica dalle 10 alle 12 oppure negli altri giorni su appuntamento. L’ingresso è libero e contingentato – gradito Green Pass.



CANELLI: ANDREA OBEROSLER E LA SUA BIC IN MOSTRA ALLA FUOCO E COLORE

Andrea Oberosler “In punta di Bic” presso la Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery di Canelli dal 5 al 20 febbraio. L’inaugurazione si terrà il 5 febbraio dalle ore 16 alle ore 18.30. La mostra sarà visitabile il mattino dalle 10 alle 12 il martedì, il venerdì e la domenica; il pomeriggio dalle 16 alle 18 il venerdì e il sabato. L’autore sarà presente negli spazi della galleria il 5, il 6 e il 20 febbraio.



Quattro chiacchiere con ... ARIANNA DURETTO

L'artista esporrà dal 6 gennaio presso la Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery di Canelli



Le Ebbrezze Pittoriche di GIORGIO GIUNTA in mostra a Canelli

“Ebbrezze pittoriche” - Canelli - “Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery”. Dal 21 novembre all'8 dicembre: venerdì e sabato dalle 17 alle 19 e domenica dalle 10 alle 12 (vernissage il 21 novembre dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.30).



GABRIELE SANZO, l’equilibrista del tratto

Gabriele Sanzo:“Agenzia di viaggi immaginari”,“Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery”- Corso Libertà 49 - Canelli. Fino al 14 novembre - venerdì e sabato dalle 17 alle 19 e domenica dalle 10 alle 12.



L'ARTISTA MARCO FASANO DA SABATO IN MOSTRA A CANELLI

Presso "Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery" di Canelli dal 2 al 17 ottobre.



CANELLI - La chiesa di San Rocco si tinge di giallo con

L'anteprima del libro si terrà domenica 26 settembre alle 16.30 a Canelli nella chiesa di San Rocco.


Galleria Fotografica