Back to Top

Giornale on line registrato al Tribunale di Pavia n. 2/2016

GLI SCATTI DI ANTONIO MURACA ALLA FUOCO E COLORE DI CANELLI

Foto GLI SCATTI DI ANTONIO MURACA ALLA FUOCO E COLORE DI CANELLI

INTERVISTE

“Non vivo con la fotografia ma senza non riuscirei a vivere”. Questa è la frase che mi ha più volte ripetuto Antonio Muraca durante il nostro incontro e che riporta come motto personale sui suoi social. Domani, giovedì 12 maggio, a partire dalle 20, inaugura la personale di Antonio colma di ritratti femminili. Ogni scatto è una storia, un aneddoto, un ricordo. La voglia di cogliere l’attimo e di congelarlo per sempre. È forse per questo che Antonio gira sempre con una macchina fotografica, per immortalare il bello che lo circonda…
D: Ciao Antonio, benvenuto su L’Iride News. Ti ricordi come si è sviluppato il tuo interesse per la fotografia?
R: Ho iniziato ad appassionarmi alla fotografia quando avevo vent’anni: scattavo con le macchine fotografiche piccole che avevano ancora i rullini. Ogni volta non vedevo l’ora di vedere sviluppate le fotografie. Era un’emozione diversa rispetto ad oggi che è tutto in digitale: oggi scatti e vedi subito il risultato. Con il digitale scatto molto di più, è diventato molto più immediato, controlli subito se è una buona foto o meno. Ho iniziato scattando foto a paesaggi e poi ho preso la strada del ritratto, la parte principale dei miei lavori. Se mi guardo intorno vedo sempre cose che valgono la pena di essere immortalate: le foglie in autunno, ad esempio, o i papaveri in primavera. Ho sempre con me una macchina fotografica, più piccola rispetto a quando faccio dei servizi fotografici o shooting in studio, ma lei c’è sempre.
D: Colore o bianco e nero? Perché?
R: Scatto sempre a colori ma alcune foto, quando le penso, le immagino già a in bianco e nero perché così acquistano mistero e fascino. Comunque dipende molto dal momento e dal soggetto.
D: C’è qualche scatto al quale sei particolarmente affezionato o a cui è legato qualche aneddoto particolare? Ci vuoi raccontare?
R: Ci sono un paio di scatti dei miei figli ai quali sono molto legato ed ogni volta che li vedo mi emoziono. Non sono foto “volute” ma naturali e spontanee. Mio figlio inoltre gioca a calcio ed il sabato è dedicato a fare le foto durante le partite, ormai faccio le foto per tutti (ride n.d.r.)
D: Vedo dalla tua pagina Instagram che i soggetti che ami ritrarre di più sono le figure femminili…
R: Ho due pagine social: una è dedicata esclusivamente ai ritratti mentre l’altra è più un mix delle foto che scatto con diverse tematiche.
D: Sei una persona che usa molto i social? Come possono i social aiutare i fotografi secondo te?
R: Credo che sia un mezzo per mostrare le foto che si scattano ma non sono sicuro che sia il modo corretto per promuovere l’amore per la fotografia. Una persona che lo fa per professione ovviamente ha un approccio con i social diverso da chi lo fa esclusivamente per passione.
D: Secondo te come è possibile far passare dei messaggi o delle emozioni attraverso la fotografia? Qual è il tuo approccio a riguardo?
R: Credo che la strada migliore, o almeno quella che io cerco di intraprendere, è cercare di scattare delle foto il più spontanee e naturali possibili, senza troppe pose. Cerco sempre la naturalezza perché credo che sia quello l’ingrediente principale per trasmettere emozioni a chi guarda la foto.
D: C’è qualche soggetto che non avresti mai pensato di ritrarre ed invece lo hai fatto?
R: Ho scattato delle foto di nudo femminile che non avrei mai pensato di scattare…
D: Fai il fotografo di professione? Se no come riesci a conciliare lavoro e passione per la fotografia?
R: Non sono un fotografo professionista ma cerco sempre di dedicare la maggior parte del mio tempo libero a questa passione. Nel fine settimana, partecipo ad eventi fotografici oppure organizzo degli shooting.
D: Per ottenere un ottimo scatto quanto conta l’improvvisazione e quanto lo studio dell’immagine, quindi luci, angolazioni…?
R: Se ci si trova in studio c’è maggior preparazione “a monte” tra luci e angolazioni mentre se si è in strada è più facile che si improvvisi cercando il posto “giusto”, con la luce “giusta”…
D: Fai molto uso di post produzione? Su cosa ti concentri maggiormente di solito?
R: Utilizzo poco i programmi di post produzione, non sono un fan accanito di Photoshop usato “a manetta”. Le uniche cose che realizzo al computer sono la creazione del bianco e nero partendo dallo scatto a colori e il ritocco delle luci e dell’esposizione.
D: Da che cosa trai ispirazione? C’è un fotografo o un artista che ti ispira?
R: Ovviamente guardo online i lavori svolti da diversi fotografi ma non c’è nessuno a cui mi ispiro per realizzare i miei scatti.
D: Cosa consiglieresti ad un giovane che vuole approcciarsi alla fotografia?
R: Di seguire il mio workshop (ride n.d.r.). Consiglio di scattare molto e di non comprare subito la macchina super costosa ma iniziare con una macchina più economica e di seconda mano per fare pratica, poi con il tempo ci si affina e ci si può permettere uno strumento più sofisticato. E poi scattare, scattare, scattare… la pratica aiuta molto, si impara molto dai propri errori. Oggi ci sono un sacco di strumenti online per imparare, basta avere pazienza e passione di cercare…
D: Alla Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery sei impegnato su due fronti: un workshop fotografico e una personale… Puoi spiegarci in cosa consiste il workshop?
R: Il workshop si articola in tre lezione e sarà un corso base di approccio alla fotografia per chi ha la curiosità di cimentarsi con questa arte. Ci sarà della teoria ma soprattutto si farà tanta pratica. Voglio che alla fine degli incontri chi frequenta possa prendere in mano una macchina fotografica e capire come scattare in manuale. Quando ero giovane scattavo molto ed in automatico poi facendo i corsi ho capito come utilizzare meglio gli strumenti.
D: Ci daresti qualche anteprima su cosa vedremo invece nella mostra?
R: Saranno quasi tutti ritratti femminili a colori e in bianco e nero ed anche alcuni paesaggi, li ho voluto aggiungere all’ultimo…
D: Progetti futuri?
R: E’ sia il mio primo workshop che la mia prima mostra quindi per il momento cerco di godermi questi traguardi ma sempre con la voglia di scattare nuove fotografie, la passione non manca mai.
Antonio Muraca Vi aspetta alla sua personale presso la Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery di Corso Libertà a Canelli. La mostra inaugura domani 12 maggio dalle 20 e sarà visitabile dal 13 al 23 maggio il venerdì e il sabato dalle 16.30 alle 19 e la domenica dalle 10 alle 12. Per prenotare una visita al di fuori degli orari di apertura contattare il numero 3421802393. Il workshop di fotografia si terrà il 16, il 23 ed il 30 maggio dalle ore 20.30 alle 22.30 presso la galleria d’arte. Per le iscrizioni telefonare al numero indicato.

11/05/2022

Paola Doria

fbshare   ttshare

Potrebbero interessarti...



Venerdì a Canelli inaugura la retrospettiva dell'artista Sabrina Bianco

Il ricavato delle opere vendute andrà devoluto in beneficienza



CANELLI: una doppia personale tutta al femminile con Paola Becchino e Paola Pignatelli

Paola Becchino e Paola Pignatelli co Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery (Canelli) 26 agosto (vernissage) - 11 settembre



I MILLE VOLTI DI GIANDANTE X IN MOSTRA A CANELLI

Paola Doria ci racconta del suo libro dedicato al pittore milanese Giandante X. Il libro, insieme ad una mostra monografica, sarà presentato sabato 25 giugno a Canelli presso la Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery



CANELLI: MASSIMO RICCI E MARIA LUISA STEPANEK INAUGURANO SABATO ALLA FUOCO E COLORE

L’immagine e la figura” in mostra fino al 12 giugno presso la Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery di Corso Libertà a Canelli. La mostra inaugura sabato 28 maggio dalle 16.30 ed è visitabile venerdì e sabato dalle 16,30 alle 19 e domenica dalle 10 alle 12.



CANELLI - Cristiano "Lupo" Carillo da sabato in mostra alla Fuoco e Colore con "Latitante"

La sua personale inaugura sabato 30 aprile e sarà visitabile fino all'8 maggio.



IL DUO VIGLIETTI E PIREDDU IN MOSTRA ALLA FUOCO E COLORE DI CANELLI

Antonio Pireddu e Piergiorgio Viglietti c/o Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery - Canelli dal 5 marzo, vernissage dalle ore 16.30. La mostra è visitabile fino al 20 marzo il venerdì e il sabato dalle 16,30 alle 18,30 e la domenica dalle 10 alle 12 oppure negli altri giorni su appuntamento. L’ingresso è libero e contingentato – gradito Green Pass.



CANELLI: ANDREA OBEROSLER E LA SUA BIC IN MOSTRA ALLA FUOCO E COLORE

Andrea Oberosler “In punta di Bic” presso la Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery di Canelli dal 5 al 20 febbraio. L’inaugurazione si terrà il 5 febbraio dalle ore 16 alle ore 18.30. La mostra sarà visitabile il mattino dalle 10 alle 12 il martedì, il venerdì e la domenica; il pomeriggio dalle 16 alle 18 il venerdì e il sabato. L’autore sarà presente negli spazi della galleria il 5, il 6 e il 20 febbraio.



Quattro chiacchiere con ... ARIANNA DURETTO

L'artista esporrà dal 6 gennaio presso la Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery di Canelli



Le Ebbrezze Pittoriche di GIORGIO GIUNTA in mostra a Canelli

“Ebbrezze pittoriche” - Canelli - “Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery”. Dal 21 novembre all'8 dicembre: venerdì e sabato dalle 17 alle 19 e domenica dalle 10 alle 12 (vernissage il 21 novembre dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.30).



GABRIELE SANZO, l’equilibrista del tratto

Gabriele Sanzo:“Agenzia di viaggi immaginari”,“Fuoco e Colore Contemporary Art Gallery”- Corso Libertà 49 - Canelli. Fino al 14 novembre - venerdì e sabato dalle 17 alle 19 e domenica dalle 10 alle 12.


Galleria Fotografica