Back to Top

Giornale on line registrato al Tribunale di Pavia n. 2/2016

FABERGE' E LA TRADIZIONE DELLE UOVA PASQUALI

Foto FABERGE' E LA TRADIZIONE DELLE UOVA PASQUALI

CULTURA

Pasqua sta arrivando molti di voi sicuramente avranno per le mani il guscio d’uovo più goloso: quello di Pasqua ovviamente una delle tradizioni più antiche del mondo. L’uovo di Pasqua è il dolce preferito dai bambini e ben si accompagna all’altrettanto tradizionale, ma più recente, colomba. L’uovo di cioccolata è un’invenzione vicina a noi nel tempo ma le radici di questa tradizione, ovvero di regalare uova vere decorate, risale al Medioevo e ancora prima. Nel Cristianesimo l’uovo è simbolo di rinascita, la resurrezione di Nostro Signore ma non è sempre stato così. Già in epoche e civiltà passate c’era la tradizione di regalare con l’arrivo della bella stagione delle uova colorate e decorate per festeggiare l’arrivo della Vita che ritornava dopo il lungo inverno. L’uovo era anche un elemento sacro e secondo alcune credenze pagane e mitologiche del passato, il cielo e la terra erano considerati come due emisferi separati che si univano per creare un unico uovo, la forma mistica della vita. Gli antichi Egizi, invece consideravano l’uovo, sempre simbolo di perfezione, come il fulcro dei quattro elementi dell’universo: acqua, terra, aria e fuoco. La tradizione del dono di uova di gallina è documentata anche tra gli antichi Persiani come auspicio dell’arrivo della primavera e ben presto questa usanza si diffuse come rito propiziatorio per il cambio di stagione (una sorta di Capodanno) tra i Greci e i Cinesi. L’uovo simboleggia anche la ripetizione della nascita esemplare del Cosmo ed è presente in molte cosmogonie dalla Polinesia all’India, dall’Iran all’Africa occidentale. In Russia ed in Svezia sono state ritrovate uova decorate in moltissimi sepolcri mentre nelle tombe della Beozia le statue di Dioniso portavano tutte un uovo in mano come segno di ritorno alla vita. Mentre da un lato l’uovo era di buon auspicio, da un altro l’uovo era un cibo interdetto. Questo valeva per gli antichi adepti all’orfismo in quanto questo culto misterico greco ricercava l’uscita dal ciclo infinito delle reincarnazioni, il cui simbolo era proprio l’uovo. È con il Cristianesimo che però questa usanza viene inglobata nelle tradizioni religiose e gli viene dato un significato più profondo. È la Germania la nazione che con molta probabilità lanciò del tutto “la moda” dell’uovo decorato e colorato, usanza molto simile a quella che vediamo oggi. Le uova venivano cotte con fiori e foglie per dar loro una colorazione particolare e a volte venivano decorate con nastri colorati. Con il Medioevo si diffonde la tradizione di regalare uova decorate a mano e molte di queste diventano veri e propri capolavori. Quelle dei “ricchi” non erano più gusci calcarei ma sculture d’argento, d’oro o di platino che venivano arricchite di gemme e pietre preziose e spesso contenevano al loro interno piacevoli soprese quali ninnoli o gioielli vari. Il primo a lanciare questa moda fu Edoardo I, re d’Inghilterra dal 1272 al 1307 che commissionò ai suoi artigiani la creazione di più di 450 uova rivestite d’oro da donare ai suoi cari ed amici in occasione della Pasqua. Quando si parla di uova dorate, però, non si può non nominare l’orafo Peter Carl Fabergè che fece della creazione artistica di ingegnose uova il suo marchio di fabbrica. Nel 1883 Fabergè ricevette dallo zar il compito di preparare un dono speciale per la zarina Maria e l’orafo in quell’occasione creò il suo primo uovo in platino smaltato di bianco contenente un altro uovo d’oro il quale conteneva a sua volta due sorprese: la riproduzione della corona imperiale ed un pulcino d’oro. La fama del primo uovo di Fabergè contribuì a creare la tradizione che l’uovo di Pasqua dovesse contenere un dono. Di uova preziose ne seguirono molte altre: uova – alberi con fiori in pietre preziose su cui si posavano uccellini, carillon a forma di uova, uova che si aprivano e contenevano miniature di carrozze e vascelli. Il furto di una di queste preziosissime uova russe è inscenato in moltissime pellicole tra le quali possiamo citare lo 007 “Octopussy” del 1983 ma anche “Ocean Twelve” del 2001 con protagonista George Clooney. Queste uova sono parte della mia infanzia: quando ero piccola avevo il catalogo di una mostra tenutasi in Svizzera di queste meraviglie e mi perdevo spesso a guardare nelle foto i dettagli preziosi della lavorazione e delle foto che spesso si trovavano al loro interno. Questa Pasqua sarà per l’ennesimo anno molto triste: dopo più di un anno la situazione è lontana dall’essere risolta ma nonostante tutto cerco di non perdere la speranza e di essere ottimista che in futuro possiamo tutti riabbracciarci e molti di noi possano finalmente, quando si apriranno le Regioni, tornare ad incontrare genitori, parenti e fidanzati. Anche questa Pasqua sarà un po’ con il morso tra i denti: resistiamo sperando che la situazione possa presto migliorare. Se non posso essere fisicamente lì con voi, nulla mi vieta di abbracciarvi tutti virtualmente e di incoraggiarvi a vedere ciò che di bello abbiamo nelle nostre vite e far leva su queste cose per poter andare avanti. Buona Pasqua, con affetto Paola

30/03/2021

Paola Doria

fbshare   ttshare

Potrebbero interessarti...



MEDE: l'orgoglio REGINA CASSOLO al CENTRE POMPIDOU di Parigi

La scultrice futurista di Mede sarà una delle protagoniste della retrospettiva sulle donne e l'astrattismo a Parigi



Il ritratto di CARLO ERBA, oggi in tutte le farmacie

Forse non tutti sanno che Carlo Erba, famoso farmacista dell'Ottocento (oggi una casa farmaceutica porta ancora il suo nome), era originario di Vigevano...



8 MARZO: AUGURI A TUTTE LE DONNE, MA LA STRADA PER LA PARITA' E' LONTANA

Oltre a mimose e carinerie facciamo passi concreti per i diritti delle donne. Se il primo passo non lo fanno loro nessuno lo farà al loro posto...



SAN VALENTINO...

Tra poco è il giorno degli innamorati ed abbiamo voluto rispolverare qualche curiosità su questa festa...



Lo sapevate che il teleobiettivo è nato a TROMELLO?

Il suo inventore si chiama Francesco Negri e fu non solo pioniere nella fotografica ma anche nella microbiologia



TOUR VIRTUALI A CONFRONTO – Egitto : Louvre vs. Museo Egizio di Torino

Lockdown obbligato? Tour virtuale assicurato!



GIANDANTE X e la croce dell'Eterno divenire

Giandante X artista milanese: la sua storia. Un primo passo per conoscere a fondo questo stravagante e sottovalutato protagonista della storia dell'Arte italiana



TOUR VIRTUALI A CONFRONTO: FRIDA KAHLO MUSEUM VS MUSEI VATICANI

Due musei diversissimi: la vittoria sarà ovvia?



TOUR VIRTUALI A CONFRONTO: Van Gogh Museum vs. Salvador Dalì Theatre

uno dei più stupefacenti virtual tour... di quale museo parliamo?



TOUR VIRTUALI A CONFRONTO: Hermitage vs. Met Museum

Il secondo appuntamento della nostra rubrica di viaggi stando a casa sul nostro divano vede scontrarsi l'Hermitage contro il Met Museum di New York


Galleria Fotografica