Back to Top

Giornale on line registrato al Tribunale di Pavia n. 2/2016

PROGETTO CHANGE 2: dopo l’Open Day, il 25 il torneo di calcio finale

Foto PROGETTO CHANGE 2: dopo l’Open Day, il 25 il torneo di calcio finale

NEWS

La cornice della Cavallerizza del Castello di Vigevano il 13 maggio in mattinata ha ospitato l’evento Open Day legato al Progetto Change 2 che si è svolto nel corso dell’anno scolastico in molti istituti cittadini (Besozzi, Caramuel, Casale, Roncalli, Castoldi e Liceo Cairoli) in collaborazione con il Centro Antiviolenza di Vigevano e della Lomellina Kore Coop. Change 2 è già alla sua seconda edizione e quest’anno, novità rispetto al precedente anno, ha visto il coinvolgimento sia dei professori sia dei ragazzi delle scuole medie in un percorso verso la comunicazione assertiva e la comprensione, eliminando violenze di ogni genere. Durante l’anno scolastico i ragazzi di ogni classe coinvolta nel progetto (30 in tutto) hanno effettuato quattro incontri, due con le psicologhe dott.ssa Federica Pusineri e dott.ssa Annalisa Ferraris e due con la dott.ssa Paola Doria, giornalista, grafica ed esperta in comunicazione. Nei primi due incontri i ragazzi hanno svolto un lavoro sulla comunicazione assertiva e sugli stereotipi di genere mentre negli altri due incontri hanno potuto effettuare un laboratorio creativo. Per i ragazzi delle medie si è trattato della creazione di una grafica per una t shirt contro la violenza mentre per i ragazzi delle superiori si è analizzato come il mondo dei media presenta spesso la figura femminile. I ragazzi in seguito hanno effettuato una riflessione sulle tematiche trattate e hanno prodotto dei pensieri che sono confluiti all’interno di articoli (uno per classe). La mattinata del 13 maggio è stata occasione per riprendere gli argomenti toccati durante gli incontri però aggiungendo qualcosa in più. I ragazzi hanno votato la grafica della t shirt preferita (ha vinto quella della 3d dell’Istituto Besozzi), hanno potuto leggere gli articoli scritti dalla loro classe ed hanno effettuato due esperienze nuove. Sono stati coinvolti in un esperimento che li ha fatti riflettere sulle donne e sulle difficoltà che devono affrontare ogni giorno. Per mostrare concretamente il divario che oggi esiste tra uomo e donna nella società si è ripetuto un esperimento con i ragazzi presenti. Abbiamo messo in riga lo stesso numero di ragazzi e ragazze e abbiamo chiesto loro di fare un passo in avanti o indietro a seconda della loro risposta ad alcune domande. I quesiti riguardavano prima tutti i ragazzi (diritto allo studio, alla possibilità di curarsi ad esempio) poi o solo i maschi (“se sei dello stesso sesso del capo di Stato fai un passo avanti”) oppure solo le femmine (il salario delle mamme inferiore a quello dei padri, il senso di sicurezza nel tornare a casa la sera da soli, i commenti sessisti sulla guida o per strada…). Alle domande poste le ragazze facevano un passo indietro. Alla fine dell’esperimento i ragazzi erano nettamente in vantaggio rispetto alle loro colleghe e le domande poste loro erano oggettive e non riguardavano la personalità, le aspirazioni o i meriti di ciascuno. Per dare poi continuità alla mattinata dell’8 marzo, in cui l’artista Silvia Capiluppi ha raccontato ai ragazzi il suo lavoro performativo attraverso il ricamo di lenzuola, questa volta i ragazzi, guidati dall’artista, sono stati gli artefici in prima persona della performance artistica. Con dei pennarelli rossi (e molti di loro hanno pure ricamato le proprie iniziali) hanno scritto su teli bianchi il loro nome non solo a ricordo del progetto ma a testimoniare il loro impegno per far sì che la violenza non entri mai più nel loro mondo. Il colore è volutamente rosso in quanto il rosso è il colore scelto come simbolo della violenza sulle donne ma è anche un colore con un significato simbolico molto forte. Il filo rosso unisce, come si dice in diversi modi di dire, ma è anche benefico alla persona, simbolo di protezione in molte culture. Il nome dell’opera, risultato delle firme dei ragazzi che hanno partecipato all’evento, è “Aggio Kore”: abbiamo giocato con la parola coraggio che in napoletano si dice “aggio core” ovvero tengo cuore letteralmente e il nome del centro antiviolenza Kore e l’opera è già in viaggio per essere esposta in vari luoghi espositivi d’Italia insieme ad altri lavori realizzati nel tempo dall’artista, da sempre vicina all’associazione. Infine ci sarà un altro appuntamento: il 25 maggio nel pomeriggio a partire dalle 16 presso il centro del Campo Sportivo Antona, in collaborazione con SSD Città di Vigevano, partner del progetto, si giocherà un mini torneo di calcio con i ragazzi delle scuole superiori che hanno partecipato al Change 2, un simbolo per dire che lo sport è per tutti. Le squadre saranno tre: una del Liceo Cairoli, una del Casale e una del Caramuel – Castoldi – Roncalli. Alle 16 il ritrovo al campo sportivo Antona di Vigevano si effettuerà il triangolare benefico grazie al sostegno della SSD Città di Vigevano, partner del progetto. A conclusione del torneo, dopo aver festeggiato i vincitori, ci sarà un piccolo rinfresco presso il bar della struttura.

22/05/2019

La Redazione

fbshare   ttshare

Potrebbero interessarti...



ALESSANDRIA: “UNA DOMENICA IN GIARDINO 2021”

Iniziativa della rete degli orti botanici del Piemonte



ALBA: il comune conquista la Spiga Verde 2021

Spighe Verdi è un programma per lo sviluppo rurale sostenibile rivolto ai Comuni che vogliono valorizzare e investire sul proprio patrimonio rurale, migliorando le buone pratiche ambientali.



CANELLI: secondo weekend per "Fuoco e Colore"

Visitate la mostra e votate (anche su Facebook) le vostre opere preferite



BUONA PASQUA DA L'IRIDE NEWS!



NOVARA: LA PROVINCIA E LA COMUNITA’ EBRAICA PROPONGONO LA VIDEOCONFERENZA “FARE MEMORIA”

In Occasione del Giorno della Memoria la Provincia di Novara e la Comunità Ebraica hanno organizzato alcune iniziative di carattere commemorativo



ALESSANDRIA: LE INIZIATIVE PER IL GIORNO DELLA MEMORIA

Nel 76° anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz - Il programma dei momenti commemorativi promossi in Alessandria



ALBA: prorogata la scadenza per il Servizio Civile

I ragazzi che vogliono iscriversi potranno farlo presentando domanda ufficiale entro il 15 febbraio. Martedì 26 gennaio ore 16.00 incontro online sui progetti del Comune di Alba e del territorio



ALESSANDRIA: Infoday, tutte le informazioni sul Servizio Civile

Il meeting è fissato per il 22 gennaio alle 15 attraverso la piattaforma "google Meet" (tutti i link nell'articolo)



NOVARA: Servizio Civile, 68 posti disponibili per i ragazzi del novarese

Il Servizio Civile dura 12 mesi con un orario medio settimanale di 25 ore e un compenso mensile di 439 euro



NOVARA: inaugurato ieri mattina il cippo alla memoria di Franco Biagio

Il monumento in ricordo del poliziotto che il 2 marzo 1985 perse la vita durante lo svolgimento del servizio si trova in via Papa Sarto


Galleria Fotografica