Back to Top

Giornale on line registrato al Tribunale di Pavia n. 2/2016

E USCIMMO A RIVEDER LE STELLE LASCIANDO I GERMANI NELLA SECONDA CORNICE

Foto E USCIMMO A RIVEDER LE STELLE LASCIANDO I GERMANI NELLA SECONDA CORNICE

OPINIONI

Nella roccia livida e fredda vi è scavata una scala, i gradini sono irregolari ma si riesce a salire agevolmente. L’ambiente è angusto e risuonano voci lontane che declamano qualcosa in latino. Una di queste sussurra: “Non hanno più vino”, un brindisi di sicuro sarà da escludere. Con estrema prudenza camminiamo mettendo un passo dopo l’altro, stando bene attenti a dove mettiamo i piedi. E poi un’altra voce: “amate da cui male aveste”, ed ancora si mescolano quelle tenui e doloranti di due fratelli d’antico odio legati e di una donna dall’accento greco che fu mutata in masso dal Dio Mercurio dal piè veloce per le scellerate azioni verso la sorella. Oltre a questi figuri ne scorgo altri, dall’aspetto barbarico. Indossano un mantello di panno così ruvido, scuro e pungente come la roccia che li ospita, così fastidioso da non lasciare loro tregua, come fosse un cilicio. Stanno seduti a terra, ammassati l’un con l’altro, appoggiandosi alla parete rocciosa dalle scomode increspature. Mi avvicino a loro, incuriosito, e vedo i loro occhi: sanguinanti ed imbastiti in modo grossolano con del fil di ferro. Non possono vedere dove siamo e a chi sono vicini perché appena cercano di vedere la cucitura fa resistenza, cadono gocce di sangue insieme ad urla strazianti. Guidato dalla mia voce un uomo apre le braccia tastando l’aria… chiede attenzione. “E tu che vuoi? Parla, sii breve e arguto e chiamati per nome” gli comando. Lui risponde: “Son della terra dei Germani, di una città franca e forte. Il mio peccato fu di vergare di mio pugno uno scritto in cui dicevo che il Sommo Poeta Italico era un ambizioso arrampicatore sociale, vanitoso, megalomane e la sua opera, lodata in tutto il mondo, non era solo che una misera copia di infimo ordine di un antico testo arabo”. A queste parole io rispondo: “Superbia ed invidia sono due faville che v’hanno acceso i cuori. Possiate lavare ogni macchia dalla vostra coscienza, attraverso questo pianto di dolore e, tramite ciò, se penitenti sinceri, con l’aiuto di carità ed umiltà, essere spirti sicuri di vedere la Luce Divina”. Un angelo splendente mi indica la via e così li lascio alle miserie, non ragionando più di loro e passo.

26/03/2021

Paola Doria

fbshare   ttshare

Potrebbero interessarti...



CHIUDIAMO IL DIVARIO: DETASSARE GLI ASSORBENTI FEMMINILI E' COSA BUONA E GIUSTA

Una catena di supermercati lancia in questi giorni una campagna per rendere gli assorbenti beni di prima necessità



CHI CENSURERA' I CENSORI DEI FILM DISNEY?

Il colosso dei film per tutti sta censurando molti dei suoi classici animati in favore del "politically correct"



SEMPRE CAR MI FU QUESTO... FESTIVAL ($$$$)

Nonostante la pandemia anche quest'anno ci riproporranno il solito carrozzone mediatico che ci costa un mare di soldi agli italiani alla faccia delle difficoltà economiche dovute al Covid e gli aiuti che non arrivano...



25 NOVEMBRE: GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

La strada per la parità è ancora lunga e piena di ostacoli ed una cosa deve cambiare prima di tutto: la mentalità delle persone



L'11 SETTEMBRE E QUELLA NEW YORK CHE NON TORNERA'

In ricordo della tragedia alle Torri Gemelle



La modella alternativa e… il punto di G…

Una nota casa di moda che inizia con la “G” ha scelto una modella dai canoni estetici molto particolari per la sua campagna pubblicitaria. Questo ha creato tanto scalpore. Ecco cosa ne penso…



IL DOLCE FAR NIENTE: QUESTO SCONOSCIUTO

L'orsetto Winnie The Pooh era un gran de dolce-far-nientista e lo avete mai visto stressato? L'articolo vuole ironizzare un po' sul fatto che ormai tutto è programmato, anche il tempo libero...



LA LUNA & OTHER STORIES

Quel lontano 20 luglio 1969, più di mezzo secolo fa...



Il futuro dello Spazio X e delle paillettes

Ieri sera si è aperta una nuova era delle esplorazioni spaziali grazie alla collaborazione tra Nasa e la SpaceX di Elon Musk



I pensieri di Quinto Fabio Cunctator durante il rogo di Roma

Roma non è stata fatta in un giorno ma Roma non è lontana, Roma è ancora qui, viva e vegeta. Roma siamo noi. E la Storia è un ciclo che si ripete…


Galleria Fotografica