Back to Top

Giornale on line registrato al Tribunale di Pavia n. 2/2016

Il mugnaio e il sapore autentico di Grazia Nidasio

Foto Il mugnaio e il sapore autentico di Grazia Nidasio

CULTURA

Laggù, oltre la valle felice c’era un mulino e lì viveva un piccolo mugnaio innamorato di un amore grande, molto più grande di lui di nome Clementina. Ogni giorno pensava a lei e per conquistarla creava golose delizie soffici e cioccolatose. Mentre i dolci erano in forno sognava ad occhi aperti di essere baciato dalla sua bella, dopo averle regalato un morbido tegolino. Ahimè ogni volta era la stessa storia: lui era troppo piccolo per lei e quindi non veniva notato. Ma venivano gustate dalla sua amata le sue delizie quindi non si perdeva d’animo e con entusiasmo ritornava al suo mulino a prepararne delle altre. Chi ha più o meno la mia età è cresciuto mangiando quelle merendine e le storie del piccolo mugnaio di bianco vestito lo hanno accompagnato nella sua crescita e nei suoi pomeriggi al momento tanto desiderato della merenda. Il piccolo mugnaio bianco (vuoi mettere quanto era simpatico lui in confronto ad Antonio Banderas e alla sua gallina) era solo uno dei tanti personaggi che hanno preso vita dalla penna di Grazia Nidasio, scomparsa proprio in questi giorni di Festa a Certosa di Pavia dove risiedeva da molto tempo. È stata una delle disegnatrici storiche (per circa quarant’anni) del mitico Corriere dei Piccoli, che, con le sue avventure, faceva compagnia a migliaia di ragazzini ed è considerata la vera caposcuola del fumetto italiano. Oltre al piccolo mugnaio ha creato Valentina Mela Verde (che vince nel ’72 lo Yellow Kid al Salone Internazionale dei Comics) e la sorella Stefi, Violante, Scaramacai e il Dottor Oss, per citarne alcuni. Ha collaborato con moltissime testate, case editrici e prodotti editoriali come la Smemoranda (chi non aveva una Smemo alle medie e superiori?). Un mondo colorato, che si materializza sotto i nostri occhi con tratti eleganti e gentili fatto di vita reale che diventava la storia di un fumetto. Grazia Nidasio con le sue storie ha reso bello, interessante e persino poetico il quotidiano, le giornate di ragazzi e ragazze degli anni Settanta e Ottanta che leggevano le storie dei suoi personaggi. Facile raccontare di avventure pazzesche negli infiniti mondi del fantastico con protagoniste strane creature aliene dai poteri ancora ignoti. Più arduo è rendere interessante quello che è sotto gli occhi di tutti ogni giorno, lasciandoti il desiderio di acquistare il nuovo Corriere dei Piccoli, una settimana dopo, per vedere come va a finire. Se ne va un altro pezzetto di un puzzle grandissimo, forse infinito, della nostra e mia infanzia, un pezzettino fatto di cose che non si potevano toccare con mano ma con il cuore, che ci faceva giocare e ridere fino a sera senza avere nessun videogioco, tablet o smartphone nelle mani. La fantasia era l’unico mezzo tecnologico che si aveva a disposizione e ogni cosa era guadagnata non ottenuta grazie a capricci. Erano gli anni dello stare insieme con gli amichetti a giocare a palla in cortile, dell’essere aperti verso gli altri ed accettarli nei loro difetti invece di un mondo chiuso in cui si è soli pur essendo tra gli altri. Erano gli anni di cose in realtà poco tangibili ma che ci hanno segnato e che ci ricorderemo ancora fino a quando saremo anziani. Delle cose che anche se sono sparite rimarranno ancora per molto tempo. Del piccolo mugnaio e del suo amor Clementina a lungo ancor ci si ricorderà e Peppa Pig scomparire si vedrà?

26/12/2018

Paola Doria

fbshare   ttshare

Potrebbero interessarti...



Il ritratto di CARLO ERBA, oggi in tutte le farmacie

Forse non tutti sanno che Carlo Erba, famoso farmacista dell'Ottocento (oggi una casa farmaceutica porta ancora il suo nome), era originario di Vigevano...



SAN VALENTINO: curiosità da tutto il mondo

Come festeggiano in tutto il mondo: dal Giappone all'Olanda, dalla Spagna agli Stati Uniti



Le leggende di un Natale cupo

ATTENZIONE: articolo fortemente sconsigliato ai deboli di cuore.



GIANDANTE X e la croce dell'Eterno divenire

Giandante X artista milanese: la sua storia. Un primo passo per conoscere a fondo questo stravagante e sottovalutato protagonista della storia dell'Arte italiana



VIGEVANO e i suoi tesori dimenticati

Nel Cimitero cittadino resiste all'usura del tempo una statua del famoso scultore Adolfo Wildt. famoso in tutto il mondo per le sue statue di marmo seriche al tatto e dal colore caldo.



VIGEVANO: la storia del Beato Matteo Carreri

Come Gian Francesco Carreri diventò Fra Matteo e di come Vigevano lo accolse come secondo patrono della città



GIUSEPPE FARRUGGELLO e la ricerca artistica dell'instabilità umana

L'arte di Giuseppe Farruggello. pavese di adozione. arriva in provincia di Agrigento al suo paese natale per una personale dedicata alla mutevolezza umana. Questo è quello che ci ha raccontato...



La Red Passion è tutta cassolese

La storia in breve della Campari che nasce dall'idea del suo fondatore Gaspare. originario di Cassolnovo (PV)



La bionda Peroni è nata a Vigevano

Una brevissima storia della Peroni che vede la luce a Vigevano a metà dell'Ottocento circa...



La storia della Donini Chocolate: da Alba e Vigevano fino al Canada

La famiglia Donini inizia la sua attività nel mondo del cioccolato a Vigevano alla fine del 1950...


Galleria Fotografica