Back to Top

Giornale on line registrato al Tribunale di Pavia n. 2/2016

VIGEVANO: la storia del Beato Matteo Carreri

Foto VIGEVANO: la storia del Beato Matteo Carreri

CULTURA

Il Patrono ufficiale di Vigevano è Sant’Ambrogio ma i vigevanesi possono contare sulla protezione di un’altra persona importantissima. il Beato Matteo Carreri. il domenicano mantovano che ne è diventato il Protettore. A lui è dedicata la festa ottobrina e la chiesa di San Pietro Martire che ospita i suoi resti mortali è gremita di vigevanesi in preghiera. Il Beato Matteo diventa ufficialmente Protettore della città il 27 marzo 1518 per iniziativa della comunità civile convocata al Consiglio Generale: fu ratificata la promessa di protezione espressa dal Beato poco prima di morire. il 5 ottobre 1470. proprio presso il convento della chiesa di San Pietro Martire. Il Beato. infatti. prima di morire. aveva promesso che "avrebbe sempre pregato in cielo per la sua cara Vigevano". I sopravvissuti dell'ultima generazione che avevano visto il frate domenicano Matteo aiutare il popolo vigevanese e compiere azioni miracolose durante la sua esistenza e avevano assistito di persona alla promessa di protezione. convocarono il Consiglio Generale e lo dichiararono ufficialmente protettore. Ma chi era il Beato Matteo? Tutti sanno della sua esistenza ma ben pochi ne conoscono a fondo la storia... Nel 1418 in casa Carreri. a Mantova. venne alla luce Gian Francesco che poi da frate prese il nome di Matteo. in ebraico letteralmente “uomo di Dio”. Il padre era uno degli uomini di fiducia dei Gonzaga. più precisamente notaio di Gian Francesco Gonzaga e per far piacere al suo signore. battezzò il figlio proprio con lo stesso nome. Fin da piccolo il futuro Beato si dedicava allo studio e alle opere di pietà e carità cristiana. fino a quando decise di prendere i voti all’età di circa vent’anni. entrando nell’Ordine dei Predicatori. Anche all’epoca i giovani erano destinati a viaggiare e ad andare in aiuto di comunità in difficoltà e sottodimensionate e per questo motivo Frate Matteo girò per quasi tutta la sua vita in lungo e in largo l’Italia Centrale e Settentrionale. Fu attivo soprattutto nel Mantovano. nel Vicentino e nel Cremonese per poi spostarsi in Toscana e in Liguria. A Soncino. vicino a Cremona. riformò il convento di San Giacomo riportando i frati ad una fervente vita spirituale in linea con la regola: preghiera. contemplazione. studio e predicazione. Da lì si sposta a Savona e poi. nel 1450. dopo le celebrazioni romane del Giubileo. il viaggio da Pisa che lo riporta in nave a Savona. La nave subì un attacco da parte di briganti e pirati o corsari e. come ci narrano alcune testimonianze coeve. frate Matteo decise di agire. I corsari abbordarono la nave e iniziarono a derubare i passeggeri. sequestrando delle donne (fonti dicono madre e figlia) per portarsele via e magari rivenderle come schiave. Matteo supplicò il barbaro di rilasciare le due donne. senza atterrirsi delle minacce del corsaro. il quale liberò in un primo tempo la madre e. alle preghiere del frate che offriva se stesso in schiavitù. liberò pure la figlia. e a tutti diede la libertà.? Nel 1456 Matteo arriva a Vigevano per una serie di predicazioni nella chiesa di San Pietro Martire che era retta da padri domenicani (della congregazione riformata di Lombardia). che tenevano un convento con annesso noviziato. Dopo dieci anni Matteo ritorna a Vigevano per divenire maestro dei novizi e per trasmettere permanentemente ai frati e tutta la popolazione del luogo la passione della verità. della carità e della santità.? Ci vengono tramandati dei curiosi aneddoti che lo riguardano. Fu avvertito dai suoi confratelli dell’indecenza e della volgarità dei costumi e delle danze di alcuni saltimbanchi arrivati in città. Matteo si recò nel piazzale del “disonore” portando con se un nodoso bastone e cacciò tutti coloro che facevano disordine. con risentimento di taluni ufficiali del Duca Galeazzo Sforza. Questi. che stava nel cortile del castello di Vigevano. mandò a chiamare il frate per avere spiegazioni del suo operato. E Matteo persuase il Duca del dovere dell'autorità di seguire la legge morale per il bene comune. Il cammino verso la santità si basa sull’autentica Fede e sulla Carità verso gli altri fino a quando Matteo riceve la trasverberazione del cuore dal grande Crocifisso che si trova nella chiesa di San Pietro Martire in Vigevano. E come il cuore di Cristo. anche il cuore di Matteo rimase aperto fino al momento della morte: era il 5 ottobre 1470.?Tutti gli abitanti di Vigevano accorsero a venerare il "Beato" Matteo.? Dodici anni più tardi il papa Sisto IV permise per primo il culto del Beato e più avanti negli anni altri papi ne riconfermarono il culto. fissando per il 7 ottobre il giorno della celebrazione liturgica. Nel 1646 il corpo del Beato fu traslato nell'arca marmorea in cui riposava. nella chiesa di San Pietro Martire di Vigevano. alla cripta ricavata ai piedi dell'altare maggiore della stessa chiesa. La cripta fu successivamente ampliata ed abbellita fino a divenire un suggestivo "scurolo" con la spoglia del Beato posta nell'urna di cristallo. Ed i vigevanesi. in tempi bui. chiedono sempre al loro Beato Matteo una particolare protezione per il superamento dei tempi calamitosi.

09/10/2018

Paola Doria

fbshare   ttshare

Potrebbero interessarti...



Il ritratto di CARLO ERBA, oggi in tutte le farmacie

Forse non tutti sanno che Carlo Erba, famoso farmacista dell'Ottocento (oggi una casa farmaceutica porta ancora il suo nome), era originario di Vigevano...



SAN VALENTINO: curiosità da tutto il mondo

Come festeggiano in tutto il mondo: dal Giappone all'Olanda, dalla Spagna agli Stati Uniti



Il mugnaio e il sapore autentico di Grazia Nidasio

Il mugnaio che sfornava tegolini o Valentina Mela Verde, storie quotidiane che riuscivano ad appassionare i ragazzi



Le leggende di un Natale cupo

ATTENZIONE: articolo fortemente sconsigliato ai deboli di cuore.



GIANDANTE X e la croce dell'Eterno divenire

Giandante X artista milanese: la sua storia. Un primo passo per conoscere a fondo questo stravagante e sottovalutato protagonista della storia dell'Arte italiana



VIGEVANO e i suoi tesori dimenticati

Nel Cimitero cittadino resiste all'usura del tempo una statua del famoso scultore Adolfo Wildt. famoso in tutto il mondo per le sue statue di marmo seriche al tatto e dal colore caldo.



GIUSEPPE FARRUGGELLO e la ricerca artistica dell'instabilità umana

L'arte di Giuseppe Farruggello. pavese di adozione. arriva in provincia di Agrigento al suo paese natale per una personale dedicata alla mutevolezza umana. Questo è quello che ci ha raccontato...



La Red Passion è tutta cassolese

La storia in breve della Campari che nasce dall'idea del suo fondatore Gaspare. originario di Cassolnovo (PV)



La bionda Peroni è nata a Vigevano

Una brevissima storia della Peroni che vede la luce a Vigevano a metà dell'Ottocento circa...



La storia della Donini Chocolate: da Alba e Vigevano fino al Canada

La famiglia Donini inizia la sua attività nel mondo del cioccolato a Vigevano alla fine del 1950...


Galleria Fotografica