Back to Top

Giornale on line registrato al Tribunale di Pavia n. 2/2016

La storia della Donini Chocolate: da Alba e Vigevano fino al Canada

Foto La storia della Donini Chocolate: da Alba e Vigevano fino al Canada

CULTURA

“La fabbrica di cioccolato”. Quanti di voi da piccoli e non hanno sognato di possedere quel rarissimo biglietto dorato e fare un tour cioccolatoso insieme a Willy Wonka al posto di Charlie Bucket? Immaginatevi distese lunghissime di invitanti cioccolatini di ogni foggia e gusto. Sono innocenti pezzettini marroni di diverse sfumature dal bianco panna al nero caffè che ti lusingano con il loro profumo e la loro bellezza. Come le sirene di Ulisse ti dicono “mangiami!” e finisce che non si può resistere alla tentazione. Quei cioccolatini gustosi. che hanno il sapore dell’artigianalità e che si sciolgono in bocca. Nella storia che sto per raccontarvi la fabbrica di cioccolato è partita come una piccola realtà locale e aveva il suo Willy Wonka. senza completo viola ma altrettanta determinazione. e si chiamava Nello Donini. Questa è la storia della Donini Chocolate in Ontario. Canada. famosa in tutto il mondo per la sua cura nel fare il cioccolato come una volta e che. come la Campari e tante altre aziende di fama internazionale. ha origini radicate nelle nostre zone. La Donini Chocolate infatti nasce dagli sforzi dell'omonima famiglia che. dopo esperienze di lavoro per conto terzi. ha deciso di mettersi in proprio. facendo iniziare la sua storia proprio da Vigevano. Dopo aver visto un servizio sulla fabbricazione dei cioccolatini ambientato proprio alla Donini in una trasmissione TV e sentendo che i fondatori erano originari di Vigevano. ho voluto scrivere all'ufficio marketing dell'azienda per scoprire di più sulle sue origini. Sono stata messa in contatto con il signor Virgilio Salvoni. ultimo parente della famiglia presente nella ditta che in una mail. rigorosamente scritta in italiano. mi racconta la storia della famiglia Donini e di come da Vigevano siano arrivati in Canada. Virgilio Salvoni non è un membro diretto della famiglia Donini. come lo si deduce dal cognome. Il trait d’union è Santina. una delle sorelle di Virgilio che nel 1969 sposa Franco Donini. unico figlio di Flora Soldoni e Nello Donini. fondatore e proprietario in Italia della Cioccolato Donini Spa. Lascio ai ricordi di Virgilio Salvoni il compito di narrarvi la nascita di questa famosa azienda e della famiglia. “Nello Donini. mantovano di Roverbella nato nel 1915- racconta - comincia a lavorare nel settore dolciario dall'età di nove anni. mentre ancora va a scuola. La famiglia è numerosa. non benestante. e. appena compiuti i quindici anni. Nello se ne va a Milano dove inizia a lavorare nella cioccolateria del Signor Salvi (non ricordo il nome della ditta). Vi lavorerà con diverse mansioni. tra cui quella di direttore alla produzione. fino al 1940. quando verrà richiamato alle armi per la guerra. Dal 1945 fino al 1949 lavora. sempre nel settore del cioccolato. a Genova (non ricordo il nome della ditta. forse ILVA) e poi all'ALCA di Livorno. Nel 1949 viene assunto come consulente alla Ferrero di Alba. Aiuta a sviluppare una "merendina" a base di gianduia con pezzettini di nocciole incorporate. presentate come dei "formaggini" con l'aggiunta di figurine da collezionare. Partecipa anche allo sviluppo di quel prodotto oggi conosciuto come "Nutella". Qui dirige la produzione per diversi tipi di gianduia. con cacao di diverse origini”. Il prodotto a “formaggino” che cita il signor Salvoni dovrebbe essere. se non sono errate le mie ricerche. il Giandujot. creato nel 1946 come merenda per i bambini. Era una sorta di proto-nutella. più densa ma comunque spalmabile su una fetta di pane. La pasta di gianduia era divisa in quadretti avvolta in carta stagnola. un prodotto goloso. accessibile a tutte le famiglie perché aveva un costo nettamente inferiore a quello del cioccolato puro ma era altrettanto gustoso ed in breve tempo la produzione salì fino a mille quintali. i dipendenti che lavoravano a questo prodotto. più di cento. “Verso la fine del 1950 - continua Salvoni- Nello Donini decide di mettersi in proprio. Lascia Alba e si sposta a Vigevano dove vive Maria. una sua sorella che lo aiutò all'inizio dell’attività. Apre un laboratorio in un vecchio stabile (ancora esistente) all'incrocio di via Mentana con via Trivulzio. Pochi anni dopo. essendo l'azienda cresciuta. si sposta in uno stabile più grande al 9 di via Duse. dove rimarrà fino al 1972. La famiglia Donini si stabilisce in un condominio in Via Trivulzio. Franco frequenta tutto il ciclo scolastico a Vigevano e si diploma Ragioniere Perito Commerciale al "Casale". Si iscrive alla Bocconi ma inizia a lavorare nell'azienda di famiglia. Nel 1971 anch'io. finito il servizio militare ed in attesa di un concorso per insegnanti. entro nel giro della famiglia e lavoro a Vigevano per un anno.” La Cioccolato Donini S.p.a. si specializza nella produzione di articoli decorativi per Natale e Pasqua. e in poco tempo. fornendo la Standa e l'Upim. è presente su tutto il territorio nazionale. L'esportazione cresce sui mercati nordamericani. in Germania ed in Inghilterra. “Durante il 1972. la "Donini" - ricorda Salvoni - compra del terreno a Borgolavezzaro. poco distante da Vigevano. e vi fa erigere un fabbricato su misura per le nuove esigenze legate alla sua crescita. Le famiglie continuano a vivere a Vigevano. Gli anni '70 sono anni socialmente difficili. Il rapimento Torielli e altri fatti di cronaca nera dove anche piccoli imprenditori diventano oggetto di ricatto. la presenza di bimbi in età scolare. la sensazione d’insicurezza generale. spingono la famiglia a cercare lidi più tranquilli in cui vivere e far crescere i propri figli. Il mercato nordamericano è in crescita e la prospettiva di avviare un’attività in Canada. senza fermare quella in Italia. diventa presto realtà. Nel 1979 nasce la "Donini Chocolate LTD" in Belleville. Ontario. Le famiglie Donini lasciano Vigevano e si stabiliscono in Canada. La Cioccolato Donini S.p.a di Borgolavezzaro continua la sua crescita con una diversa proprietà e rimarrà sul mercato ancora per molti anni. In Canada. dove anch'io arrivo nel 1980 dopo avere lasciato l'insegnamento e assunto il ruolo di Plant Manager (direttore dello stabilimento. ndr). l'attività dell'azienda cresce negli anni. ininterrottamente fino ad oggi”. Nello Donini muore nel luglio del 1987. A dicembre del 2006. in seguito ad un grave infortunio sul lavoro. anche Franco Donini viene a mancare. La direzione dell'azienda passa alla moglie Santina. I figli Paula ed Andrew prendono altre strade e non proseguono la tradizione di famiglia. Paula attualmente è sposata e vive ad Ottawa: ha un figlio maggiorenne. Zachary. Andrew. anche lui sposato. invece. è professore alla York University di Toronto. “Io rimango con l'azienda. - conclude Virgilio Salvoni - sempre come Plant Manager. fino al 2009. allorché la Donini Chocolate LTD viene venduta ad un grosso gruppo industriale. nel settore del food. sempre controllato da italiani e cambia ragione sociale. Io resto con la nuova Donini Chocolate LP fino ad oggi come Senior Manager”. Oggi la Donini Chocolate si distingue. come nel passato. per la vasta offerta nel settore del cioccolato artigianale con un packaging particolare rispetto alle altre aziende dolciarie statunitensi. Le barrette di cioccolato. nelle loro infinite varietà di gusti. sono avvolte in carte che hanno un sapore antico. legato alla tradizione cioccolatiera italiana e con una finestrella trasparente. Questa caratteristica è sinonimo di qualità e di franchezza con l'acquirente: sai cosa compri perché lo vedi in prima persona. Una caratteristica che si vede solo nelle piccole cioccolaterie e ricordo della tradizione italiana che vendeva i dolciumi sfusi ma visibili nel negozio attraverso vetrine e vasi di vetro. Ed è proprio sulla qualità e l'estetica che la Donini Chocolate punta da sempre con ricette vecchie di sessant’anni producendo barrette di moltissimi gusti interamente curate a mano. Fate un giro sul sito www.doninichocolate.com e potrete notare il vastissimo assortimento dell’azienda. Barrette al caffè espresso macchiato. alla menta variegate di verde. decine e decine di tartufini. piccoli. rotondi e molto invitanti per non parlare delle mille forme che acquisisce il cioccolato tra le mura della Donini: scarpe. fiori. scritte. cuori. lecca lecca di cioccolato. renne e trattori. E ancora cioccolatini matrimoniali e dedicati alle varie festività come Pasqua. Natale e Halloween che sono uno dei punti di forza dell'azienda fin dalle sue origini. Marilyn cantava che i diamanti sono i migliori amici delle donne. Questi gioielli. per citare Holly Golightly. prima degli anta fanno cafona. Quindi perché non adottare come migliori amici degli ottimi e più economici cioccolatini? In ogni stomaco c'è sempre spazio per un delizioso tartufino pronto ad allietarci anche nelle giornate più nere… Paola Doria Ps. Ringrazio infinitamente l’ufficio marketing della Donini per il supporto e il Signor Virgilio Salvoni per avermi fatto partecipe alla storia della sua famiglia. Ci tenevo moltissimo a scrivere questa storia. fin da quando. quest’estate ho visto la famosa trasmissione di cui parlavo sopra. Quest’articolo è un esempio che se si vogliono le cose. prima o poi queste arrivano.

02/07/2018

Paola Doria

fbshare   ttshare

Potrebbero interessarti...



Il mugnaio e il sapore autentico di Grazia Nidasio

Il mugnaio che sfornava tegolini o Valentina Mela Verde, storie quotidiane che riuscivano ad appassionare i ragazzi



Le leggende di un Natale cupo

ATTENZIONE: articolo fortemente sconsigliato ai deboli di cuore.



GIANDANTE X e la croce dell'Eterno divenire

Giandante X artista milanese: la sua storia. Un primo passo per conoscere a fondo questo stravagante e sottovalutato protagonista della storia dell'Arte italiana



VIGEVANO e i suoi tesori dimenticati

Nel Cimitero cittadino resiste all'usura del tempo una statua del famoso scultore Adolfo Wildt. famoso in tutto il mondo per le sue statue di marmo seriche al tatto e dal colore caldo.



VIGEVANO: la storia del Beato Matteo Carreri

Come Gian Francesco Carreri diventò Fra Matteo e di come Vigevano lo accolse come secondo patrono della città



GIUSEPPE FARRUGGELLO e la ricerca artistica dell'instabilità umana

L'arte di Giuseppe Farruggello. pavese di adozione. arriva in provincia di Agrigento al suo paese natale per una personale dedicata alla mutevolezza umana. Questo è quello che ci ha raccontato...



La Red Passion è tutta cassolese

La storia in breve della Campari che nasce dall'idea del suo fondatore Gaspare. originario di Cassolnovo (PV)



La bionda Peroni è nata a Vigevano

Una brevissima storia della Peroni che vede la luce a Vigevano a metà dell'Ottocento circa...


Galleria Fotografica